Tag

salute e benessere

Browsing

IL SETTING

L’importanza dei dettagli nello studio di una psicologa

L’ ambulatorio psicologico è molto importante nella pratica terapeutica, è anch’esso uno strumento che va a far parte, insieme ad altre caratteristiche, di quello che poi viene definito setting terapeutico.
Ma cos’ è il setting?  Il setting psicologico è un costrutto indispensabile nella pratica terapeutica, e come riassume bene Wikipedia si divide in:

  • caratteristiche spazio-temporali (componente fisica);

  • comportamenti (componente sociale) messi in atto al suo interno;

  • un programma di setting, rappresentato dall’insieme delle sequenze prescritte e ordinate nel tempo, per le attività e gli scambi tra le persone e gli oggetti all’interno del setting stesso; questo programma attribuisce al setting stesso il carattere organizzato e l’interdipendenza delle componenti fisiche e sociali.

Elisa Sergi psicologa

Queste sono le caratteristiche del setting, in cui rientra ovviamente l’ambulatorio lo studio dello psicologo.

L’ambulatorio infatti gioca un ruolo fondamentale sulla percezione del cliente/paziente che si forma dai primi momenti in cui si viene in contatto con tale ambiente. Quando entriamo in un ambiente subito ci rendiamo conto, anche a livello inconscio, del luogo in cui siamo, e immediatamente elaboriamo dei giudizi postivi e negativi. L’importanza della prima impressione. L’ ambulatorio riflette il terapeuta e condiziona ampiamente la visione che noi abbiamo di lui. Già dai primi attimi la nostra mente seleziona dei contenuti da catalogare qualitativamente, che andranno a influenzare la professionalità dello psicologo che abbiamo difronte.

Un’ opinione quindi, che si forma e si plasma fin dai primi minuti, nella quale ogni dettaglio riveste un ruolo importante e soprattutto è in grado di fare la differenza. In primis le caratteristiche personali dello psicologo, sono assolutamente fondamentali, gradevolezza estetica, cura personale, abbigliamento e accessori, oltre che ovviamente atteggiamenti, comportamenti e l’empatia dimostrata.

Elisa Sergi psicologaIl focus sul terapeuta è fondamentale e sacrosanto, perché nella relazione terapeutica, più che in ogni altro mestiere, lo strumento del trattamento è lo psicologo stesso, per questo ha una rilevanza importantissima. Sulle caratteristiche del terapeuta “ideale”, visto l’argomento molto vasto oltreché interessante, farò un articolo dedicato alla figura dello psicologo e alle caratteristiche che a mio avviso dovrebbe avere.

Subito dopo il focus sulle caratteristiche generali del terapeuta si passa all’osservazione dell’ambiente circostante, ovvero la stanza in questione. Il primo approccio percettivo è importante e prende in considerazione come sempre molti fattori, ad esempio se l’ambiente è grande o piccolo se luminoso o meno, se asettico o accogliente, se ha pareti colorate e quali e quanti sono gli oggetti presenti all’interno. Tutto prende significato.

L’arredamento dello studio

Sono molte le evidenze scientifiche che dimostrano come siano correlate tra loro l’arredamento e la qualità percepita dell’appuntamento terapeutico. Avere uno studio curato e calibrato in base a ciò che si vuol comunicare e soprattutto che rispecchi, senza controsensi ed eccessi, la personalità e lo stile del terapeuta è rilevante per una qualità migliore, nella relazione terapeutica e nella riuscita dell’intervento psicologico.

Gli aspetti che vengono apprezzati dai pazienti, sono sensibili alle loro caratteristiche soggettive, ma in generale, un ambiente luminoso, ben dosato di oggetti, pulito e confortevole, capace di infondere un senso di professionalità, serietà ma al tempo stesso accoglienza è quello che ogni paziente desidera.

Quali dovrebbero essere i mobili dell’ambultorio psicologico? Ovviamente non c’è una risposta univoca, bensì una sorta di buon senso comune che possiamo tramandare ai neo-psicologi per districarsi in questa tematica. Parola d’ordine: buongusto, a cui deve seguire buonsenso e moderazione. Lo stile personale ci deve essere, non eccessivamente, ma con quel tocco che ci rappresenti. Tenere ovviamente la vita privata, lontana dal setting terapeutico, quindi niente foto di famiglia, niente che riporti o distragga la persona sulla vita familiare/relazionale del terapeuta. Un arredamento moderno o classico? Io preferisco il moderno, lo trovo più attuale e fresco, ma questa è la mia preferenza soggettiva, qui ovviamente dipende dalla personalità e dai gusti del terapeuta. Quello che mi sento di dire è che lo stile classico, forse può appartenere un po’ alla vecchia scuola, a colleghi di elevata esperienza e con un’età sicuramente superiore alla mia. Mentre lo stile moderno secondo me è preferibile per noi, nuova generazione di psicologi.

Elementi d’arredo per l’ambulatorio dello Psicologo

Uno spazio accogliente con divani e/o delle poltrone comode e esteticamente gradevoli, meglio se vicine senza interporre altri mobili nel mezzo, secondo me è l’ideale come base di partenza. La classica Chaise Longue, non è necessaria se non fa parte del vostro stile e del vostro approccio terapeutico. Io, ad esempio, ho deciso di non metterla nel mio studio. Vi consiglio di inserire una libreria, mobile che adoro particolarmente e magari ricca di libri inerenti la psicologia. Una scrivania,  anche minimal, dove poter firmare il consenso informato o qualsiasi altro documento o ricevuta fiscale. Personalmente mi piacciono molto anche le mensole, sulle quali appoggiare o libri o piante o quadri, proprio come indica la tendenza attuale, in quanto ad arredo pareti.

Il colore delle pareti è importante, perché capace di trasmettere sensazioni e vibrazioni a seconda della scelta effettutata. Sapete bene, come sia importante il colore intorno a noi e come sia in grado di influenzarci sia positivamente sia negativamente. In linea di massima la funzionalità dovrebbe sposarsi con stile e accostamenti azzeccati, specie per quanto riguarda i colori.

psicologia del colore Elisa SergiIl colore, lo ribadisco, gioca un ruolo centrale su di noi, influenza le nostre percezioni e quindi le nostre considerazioni su una situazione, su una persona su una situazione. Io opterei per colori neutri, come il bianco, il grigio chiaro, ma anche un celeste chiarissimo o un verde pastello, insomma tonalità soft, che in ogni caso tendano al bianco, proprio per donare un senso di neutralità, pulizia e professionalità.

Ogni singolo dettaglio è utile che sia studiato nei minimi termini e con meticolosità. L ‘arredo alle pareti è di vitale importanza in questo caso, perché è lì che si focalizzerà lo sguardo e volte l’attenzione del paziente. Non è facile scegliere i quadri da appendere nel nostro ambulatorio. Non siamo a casa, siamo in un ambiente terapeutico, perciò vi consiglio di porre molta attenzione a quello che attaccate alle pareti.

Per arredare le pareti del mio studio, io mi sono affidata al sito Bimago, nel quale è possibile trovare una vasta gamma di arredo pareti, dalla carta da parati, ai quadri, ai poster ed altre forme decorative. Il mio consiglio è di cercare su questo sito, quale sia lo stile che più vi rappresenta e che pensate sia utile ai fini di un setting adeguato.

Io mi sono innamorata dei poster, forniti di cornice, ( con la scelta bianca o nera) con diverse scritte motivazionali. Le trovo illuminati e ottimi spunti riflessivi dai quali poter partire, per riflettere e approfondire importanti concetti.

Inoltre a me piacciono le composizioni, perciò invece che prendere un poster grande, ho optato per una composizione di 6 piccole stampe da affiancare l’una con l’altra.

Elisa Sergi psicologa arredo ambulatorio
La dualità mente cuore, vivendo i propri sogni
Elisa Sergi psicologa arredo ambulatorio
Vivere il qui e ora, apprezzando la semplicità

La mia scelta dunque è ricaduta, inevitabilmente su qualcosa che mi rappresentasse e che al tempo stesso fosse adatto ad un ambulatorio psicologico. Dopo aver passato in rassegna tutto il sito, ho deciso di soffermarmi su grafiche e messaggi motivazionali. Devo dire che sul sito ce ne sono moltissime di grafiche  ma io ho scelto queste sei stampe che rappresentano bene alcuni spunti importanti che racchiudono un senso molto positivo.

La mia scelta è caduta su poster dal colore iridescente, perché come sapete bene io adoro i colori e sono uno strumento che uso abitualmente nelle mie terapie psicologiche. Il contenuto dei poster è rilevante alla mia forma mentis e al mio approccio terapeutico.

Goditi il momento, qui ed ora!
Le cose migliori nella vita sono gratis!
Solleva l’ancora!
Vivi i tuoi sogni e condividi le tue passioni!
Razionalità!
Emotività!

www.bimago.it

Vi aspetto nei commenti e nella mia pagina INSTAGRAM, con le mie rubriche-video IGTV!

➡ Per info e dettagli, contattatemi ⬅

⬇ Articoli che ti potrebbero interessare ⬇

BIANCO: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI 

GRIGIO: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

ROSA: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

MARRONE: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

VIOLA: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

ARANCIONE: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

VERDE: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

GIALLO: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

BLU: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

ROSSO: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

Psicologia del Colore: come i colori influenzano il nostro stato emotivo. Leggi QUI

Isolamento, diffidenza, evitamento: come uscirne. Leggi QUI

TOP 10 – strategie per un sano riposo. Leggi QUI

TOP 10 – Benessere psicofisico in quarantena. Leggi QUI

Lo STRESS, cos’è e come riconoscerlo. Leggi QUI

La RESILIENZA, cos’è, come riconoscerla e svilupparla. Leggi QUI

Vademecum PSICOLOGICO per affrontare l’emergenza COVID-19. Leggi QUI

Affrontare e spiegare l’emergenza Coronavirus ai BAMBINI. Leggi QUI

LA PSICOLOGIA DEL NERO

Il nero è così come il bianco è considerato un non-colore o un colore neutrale, anche se al suo interno racchiude innumerevoli significati. E’ sicuramente il colore più amato per la scelta dell’abbigliamento elegante e non. Il nero suscita da sempre emozioni forti, è il colore più scuro e profondo di tutta la scala cromatica. Può essere considerato come la totale assenza di colore oppure l’insieme stesso di tutti i colori. Il nero è spesso usato per favorire il contrasto e il distacco dalle altre tonalità.

Nero come simbolo di prestigio, potere, serietà, distacco e anaffettività. E’ così  contrapposto al bianco da assomigliargli, da essere il suo esatto complementare. Sono colori agli antipodi, che al tempo stesso si assomigliano, presentando quindi caratteristiche comuni.nero Elisa Sergi psicologia del colore

In questo particolare colore, che personalmente non amo, ci sono sensazioni positive e negative. Le connotazioni positive potrebbero essere eleganza, mistero, profondità, autorevolezza, quelle negative, opposizione, contrasto, potere, estrema riservatezze, controllo, persino qualcosa di oscuro e tenebroso. Infatti è un colore legato alle ombre, a territori sconosciuti, inesplorati, al mistero, al misticismo, e anche alla parte nascosta di noi, al nostro inconscio.

Il nero è molto usato nella scelta degli abiti, di tutti i generi, per tutte le età. E’ ampiamente abusato perché in grado di donare un alone di eleganza e mistero, nascondendo le forme del nostro corpo e proteggendo la figura.

GLI AMANTI DEL NERO

Gli amanti di tale colore sono persone decise, riflessive, credibili, razionali, serie, ma che al tempo stesso hanno bisogno di rassicurazione e protezione. Sono persone che amano sedurre e hanno un qualche aspetto legato al mistero.nero Elisa Sergi psicologia del colore

Il nero, nell’abbigliamento poi, è diventato un vero e proprio cult, quale donna non ha all’interno del suo armadio un tubino nero, come Audrey Hepburn mostra nel celeberrimo film: “Colazione da Tiffany”.
In effetti questo è uno stile che sprigiona classe, eleganza, raffinatezza, sicurezza e molta femminilità.
E’ anche considerato una nuance in grado di comunicare, intelligenza, fascino e affidabilità.

Insomma il nero è in grado di avvolgere, nascondere, preservare dalla realtà esterna tutte le nostre insicurezze e fragilità, dovute a diversi fattori psicologici. La nostra shilouette appare meno marcata e più uniformata.
 Il nero offre conforto perché scherma dalla realtà esterna, copre fragilità e insicurezze, tutelando la nostra comfort zone. 

Coloro che non amano il nero è perché intravedono in questo colore, pessimismo, chiusura, distacco, tenebre, segretezza, controllo e tristezza. Il nero in effetti uniforma tutto così da far sparire tutto nella sua ombra.

Nell’immaginario comune, il nero mantiene sempre una connotazione negativa, pensiamo ad esempio al discorso delle superstizioni, che personalmente trovo ampiamente anacronistiche e stupide, specie quelle legate ad animali e persone. Pensiamo ai poveri gatti neri, e alle torture che hanno dovuto subire e che subiscono tutt’oggi, a causa del loro colore. Ma il nero occupa una connotazione negativa anche in altri ambiti, come ad esempio quello professionale, infatti si parla di lavoro nero, quando le cose non sono alla luce del sole. Una lista nera, la classica black list è qualcosa di brutto, ma anche una giornata nera, quando va tutto storto, per poi passare alla cronaca nera, eventi tragici e notizie funeste.
Ma la storia del nero, così come quello degli altri colori, non si ferma qui ma si evolve continuamente. Infatti ad oggi il nero rimane e si consacra un vero e proprio must nel campo dello stile, regalando un senso di autorevolezza e prestigio in chi lo indossa.

 NERO E MARKETING 

LA PSICOLOGIA DEL BIANCO

Il bianco è il colore della purezza, della luce, della positività, della pace, contrapposta alla forza oscura del nero. Questo colore esprime speranza, semplicità, leggerezza, chiarezza mentale e armonia, sentimenti nobili e spirituali. Le tonalità di bianco ce ne sono moltissime, che vanno dalle più fredde a quelle più calde e meno algide.

simboli e significati psicologici di questo coloreQuando ad un colore si aggiunge del bianco, esso si rende più positivo e vicino alla purezza, stemperando e mitigando ogni altro significato. Pensiamo al rosso. Alla forza e la vitalità di tale colore, e poi aggiungiamoci del bianco: cosa viene fuori? Il ROSA, il colore dell’inclusione, del romanticismo, di un amore più puro. Potrei fare un altro esempio, pensiamo al BLU scuro, se aggiungiamo del bianco, verrà fuori un bellissimo tono di celeste, che racchiude significati diversi rispetto al colore di partenza. Il bianco è in grado di rendere più soft ogni colore , rendendolo più incline alla purezza, alla pace alla calma e al relax.

Esattamente come il nero, il bianco può essere anche considerato come un non-colore, ma anche viceversa, l’unione di tutti i colori insieme. Infatti non a caso sia il bianco sia il nero, sono spesso considerati colori neutri, anche se in realtà contengono moltissimi significati.

In linea generale, il bianco è assolutamente un colore positivo, anche se al suo interno, come ogni colore della scala cromatica, può  presentare anche qualche connotazione negativa. I significati più negativi sono la freddezza, il vuoto, il distacco, l’estremo perfezionismo che può generare questo colore, insomma una totale assenza di calore e di emozione.

GLI AMANTI DEL BIANCO

Gli amanti del bianco sono tendenzialmente persone positive, vitali, senza tante dietrologie e molto attente alla sensibilità propria e altrui, a volte possono risultare fredde e distaccate, per un’estrema forma legata ad un modo di fare educato ed elegante.

Generalmente presentano una forte spinta al cambiamento e alla ricerca della perfezione in qualche ambito della loro vita, sono persone che non si accontentano e tendono ad eccellere e ad avere una vita il più ordinata possibile. Proprio per questi aspetti, legati ad un esterno perfezionismo sono persone a volte troppo critiche con se stesse e con gli altri, anche se al tempo stesso con un costante bisogno di semplicità e leggerezza.

Coloro che non amano questo colore, tenedenzialmente amano il suo opposto, ovvero il nero. In ogni modo coloro che hanno delle sensazioni negative dal bianco potrebbero essere persone che non hanno una grande fiducia nel futuro e persone poco inclini alla forma. Persone che non amano le novità e i cambiamenti, ma risultano piuttosto abitudinarie, inoltre tendenzialmente molto razionali, non incline a troppi sentimentalismi e ad aprirsi, probabilmente a causa di un po’ di insicurezza.

BIANCO E MARKETING

La psicologia del marketing indica come il bianco sia un colore legato alla perfezione, alla freschezza, all’igiene, alla pulizia, al candore, all’innocenza, all’infanzia, al pudore, alla bontà, alla semplicità, alla verità assoluta, ma anche al minimalismo, alla sterilità, alla freddezza e al distacco. Per tali ragioni è usato nei contesti legati al clero, alla medicina, pensiamo anche agli ospedali e ai camici dei medici, ma anche ad oggetti di design e tecnologici. 
Se ci fate caso, il bianco non stanca mai, ed è per questo che è il colore delle pareti domestiche per antonomasia.
In Asia è legato alla simbologia della morte e dell’aldilà, mentre nella cultura occidentale, questo colore è legato a simbolo di rinascita, di consacrazione, pensiamo ai matrimoni, ai battesimi e a tutte le funzioni religiose all’interno del quale c’è del bianco. Gli abiti da sposa, sono bianchi, anche se in antichità le spose erano vestite con tinte accese e vivaci.
Chi non ha mai sentito la necessità di indossare del bianco? Questo vuol dire desiderio di cambiamento, di risveglio, di libertà e persino creatività.
Anche solo la classica t-shirt bianca, capo intramontabile emana una sorta di luminoso desiderio di semplicità e leggerezza. Oppure la camicia bianca indossata dall’uomo, classico simbolo di eleganza ma anche di un elegante e formale distacco.

Vi aspetto nei commenti e nella mia pagina INSTAGRAM, con le mie rubriche-video IGTV!

➡ Per info e dettagli, contattatemi ⬅

⬇ Articoli che ti potrebbero interessare ⬇

GRIGIO: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

ROSA: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

MARRONE: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

VIOLA: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

ARANCIONE: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

VERDE: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

GIALLO: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

BLU: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

ROSSO: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

Psicologia del Colore: come i colori influenzano il nostro stato emotivo. Leggi QUI

Isolamento, diffidenza, evitamento: come uscirne. Leggi QUI

TOP 10 – strategie per un sano riposo. Leggi QUI

TOP 10 – Benessere psicofisico in quarantena. Leggi QUI

Lo STRESS, cos’è e come riconoscerlo. Leggi QUI

La RESILIENZA, cos’è, come riconoscerla e svilupparla. Leggi QUI

Vademecum PSICOLOGICO per affrontare l’emergenza COVID-19. Leggi QUI

Affrontare e spiegare l’emergenza Coronavirus ai BAMBINI. Leggi QUI

LA PSICOLOGIA DEL GRIGIO

Il grigio è il risultato dell’unione del nero e del bianco, ma si può ottenere mescolando anche quantità simili di tre colori primari, giallo, blu e rosso.

Il grigio, stando nel mezzo tra bianco e nero è considerato il colore dell’incontro, della media, della via di mezzo. Una specie di neutralità, prudenza, saggezza e buon senso appartengono a  questo colore. Non è solo bianco o nero, ma il risultato di entrambi. Il tutto connotato da una nota di impersonalità, freddezza e distacco.

Questo colore che può apparire anche un non-colore, proprio come il bianco e il nero, può anche avere connotazione negativa, sporcando la purezza del bianco, avvicinandolo a connotazioni tetre e scure, al nero, ma anche sbiadendo e stemperando la forza del colore più profondo e scuro della scala cromatica, ovvero il nero. Il grigio è associato all’intelligenza e alla capacità di riuscire, basti pensare al termine materia grigia.

Elisa Sergi psicologia dei colori
Il grigio quindi, come ogni colore ha una duplice valenza, sia positiva sia negativa, può essere un colore che denota eleganza, e che nelle sue tonalità più accese, dona fascino e discrezione, ma può risultare anche un colore che appartiene a basse tonalità emotive, tristezza e depressione. Quando il tempo è grigio, lo è anche il nostro umore.

 

GLI AMANTI DEL GRIGIO

Il grigio può denotare paura, timore nello schierarsi da una parte ben precisa, perciò può indicare ansia nelle decisioni, tensioni emotive, e indecisione. Questa connotazione psichica può facilmente esprimersi in apparente autocontrollo, calma, imperturbabilità, efficenza e impassibilità. Il grigio può denotare paura nel lasciarsi andare, nell’esprimersi in pieno e nel tirare fuori e manifestare tutte le emozioni. Il grigio è il colore dell’uomo di successo, dell’imprenditore, di colui che eccelle in campo lavorativo e che raggiunge i propri obiettivi professionali, anche molto ambiziosi. Una specie di compensazione in ambito lavorativo di alcune lacune relazionali ed emotive. Il grigio può denotare e mascherare egregiamente timidezza, introversione, senso di vuoto, magari dietro ad atteggiamenti duri, rigidi, severi, sicuramente poco spontanei.

Questa caratteristica di chi predilige il grigio, spesso non ha consapevolezza di questi meccanismi interni. Anche perché tendenzialmente sono personalità che non hanno grandi doti introspettive e che non si mettono in discussione facilmente.

Indossare abiti di questo colore, per ambo i sessi, può simboleggiare una volontà, più o meno conscia di non emergere, di rimanere nell’ombra, non schierandosi da nessuna parte, di rimanere neutrali e rimanere nell’anonimato. In ambito professionale è molto usato, proprio per questo motivo, ovvero per silenziare la parte emotiva della personalità e limitare lo scambio relazionale, quindi abbassare le vibrazioni forti, energetiche e stimolanti degli altri colori. Pensate ad una maglia grigia, e ad una rossa, e provate ad accostarle, subito noterete la differenza di sensazioni in grado di evocarvi questo contrasto. E’ un ottimo colore per svolgere attività nelle quali non serve intuito ed energia, ma solo tempo per eseguire un compito ben definito e semplice, è un colore che sicuramente non distrae.

Elisa Sergi psicologia dei coloriAl tempo dei Romani, il grigio simboleggiava la morte, un lutto, anche perché associato alla cenere, alla fine di tutto. Questo colore fu adottato sin dall’antichità dai preti, infatti per identificare l’oscuro potere clericale si soleva dire “L’ eminenza grigia.” Per tali motivi, il grigio assunse significati oscuri, non sempre positivi legati alla povertà, alla morte ma anche al potere.

Oggi il grigio è un colore che associamo al tempo nuvoloso, quando non splende il sole e il cielo è oscurato dalle nubi. E’ anche il colore delle città, indica l’urbanizzazione e la smisurata cementificazione raggiunta nelle nostre città. E’ il colore dello smog, dell’inquinamento e del fumo. Molti sono i significati negativi associati a questo colore.

Mi sento di affermare che il grigio sia un colore di passaggio, in quanto nessuno a mio avviso può rimanere per tanto tempo, o a vita in una situazione in cui si è sospesi, in cui non ci sia una decisione, una scelta, una presa di posizione tra bianco e nero. Non è questione di essere drastici ma di scegliere una via, quella più adatta a noi.

Credo che a livello emotivo questo colore sia una cromia di passaggio, di stallo, che consenta di riflettere da che parte stare, o meglio quale via è meglio intraprendere per noi. Un periodo di grigio è importante per riflettere e capire bene le situazioni e decifrare le nostre emozioni.

GRIGIO E MARKETING

Questo colore in generale adesso si associa alla vecchiaia, alla malinconia, alla piattezza emotiva, alla nostalgia, alla mancanza di energia e vivacità, ma anche alla sobrietà e all’eleganza. 

Nonostante i molteplici significati negativi di tale colore, da ricerche sociologiche nell’ambito della psicologia del colore, è emerso che il grigio sia molto amato, e sicuramente indossato dalle persone, specialmente dalla categoria maschile.

Gli esperti di marketing sanno bene che il colore grigio non induce all’acquisto, perché non emerge, non sprigiona emozioni intense, come ad esempio un rosso o un giallo, ma esso si mantiene piuttosto neutro. Unico universo a parte è quello del design, in cui il grigio è ampiamente usato, poiché in grado di donare quell’alone di modernità, elegante e neutra. I prodotti Apple sono per la stragrande maggioranza grigi, di un grigio, argentato e moderno.

L’arredamento grigio è ideale per tutti colori che non vogliono stimoli, ne altre sensazioni rilassanti. In generale chi attua questo colore tra le mura domestiche è molto raffinato ma tende ad dare un valore impersonale e distaccato alle cose e alle situazioni.

Vi aspetto nei commenti e nella mia pagina INSTAGRAM, con le mie rubriche-video IGTV!

➡ Per info e dettagli, contattatemi ⬅

⬇ Articoli che ti potrebbero interessare ⬇

ROSA: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

MARRONE: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

VIOLA: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

ARANCIONE: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

VERDE: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

GIALLO: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

BLU: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

ROSSO: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

Psicologia del Colore: come i colori influenzano il nostro stato emotivo. Leggi QUI

Isolamento, diffidenza, evitamento: come uscirne. Leggi QUI

TOP 10 – strategie per un sano riposo. Leggi QUI

TOP 10 – Benessere psicofisico in quarantena. Leggi QUI

Lo STRESS, cos’è e come riconoscerlo. Leggi QUI

La RESILIENZA, cos’è, come riconoscerla e svilupparla. Leggi QUI

Vademecum PSICOLOGICO per affrontare l’emergenza COVID-19. Leggi QUI

Affrontare e spiegare l’emergenza Coronavirus ai BAMBINI. Leggi QUI

PSICOLOGIA DEL ROSA 

Da sempre il rosa è legato alla femminilità al romanticismo, all’amore gentile e delicato, infatti il rosa è derivato dalla passione del rosso stemperata con il sollievo e il distacco del bianco.

Il rosa è anche associato alla dolcezza  e all’innocenza. Questo colore è in grado di evocare sensazioni positive come gentilezza, accoglienza, empatia, calore e serenità, specialmente nelle tonalità pastello.

Il rosa è indissolubilmente legato al mondo femminile, e questo ha fatto si che intorno a questo colore si creassero stereotipi di genere molto radicati. Per certi aspetti, questo colore si trascina dietro questo pesante fardello. Purtroppo è stato rilevato che, all’interno di una visione sessista, a tale colore, è stata data una connotazione negativa relativa a superficialità, frivolezza e stupidità.

Adesso è un  colore legato al mondo femminile collegato alla maternità e all’infanzia, ma non è sempre stato così, in tempi antichi il colore dedicato all’universo donna, era il blu nelle sue varie tonalità, dal turchese al celeste, proprio perché associato alla purezza e agli aspetti di tranquillità e pace. Infatti nelle rappresentazioni religiose legate alla Madonna, questa è sempre o quasi abbigliata di blu o celeste.

Elisa Sergi, psicologia positiva, pillole di psicologia, psicologia in pillole, approfondimenti di psicologia, Slider, strategie di psicologia, strategie in pillole, psiconauta, psicopub, rubrica di psicologia, psicologa, psicoblog, psicoblogger, blog di psicologia, blogger psicologica, blogger psicologia, blog psicologia, content creator, psico content creator, psico digital content creator, instapsico, psicogram, argomenti di psicologia, concetti di psicologia, psicochannel, canale di psicologia, benessere psicologico, benessere psichico, salute mentale, benessere mentale, salute psichica, salute psicologica, psicologa clinica e della salute, salute e benessere, strategie psicologiche, sedute psicologiche, psicoblog, psicoblogger, psicologia del colore, psicologia dei colori, interpretazione psicologica, interpretazione dei sogni, interpretasogni, psicologia del colore, psicologia dei colori, colore, colori, cromoterapia, significato del colore, significati del colore, simboli colore, simboli coloriAudrey Hepburn nella sua innata eleganza e grandissimo stile, affermava:
“I believe in pink. I believe that laughing is the best calorie burner. I believe in kissing, kissing a lot. I believe in being strong when everything seems to be going wrong. I believe that happy girls are the prettiest girls. I believe that tomorrow is another day and I believe in miracles.” 
(Io credo nel rosa. Io credo che ridere sia il modo migliore per bruciare calorie. Io credo nei baci, molti baci. Io credo nel diventare forte quando tutto sembra andare storto. Io credo che le ragazze felici siano le ragazze più belle. Io credo che domani sarà un altro giorno, e io credo nei miracoli).

Ancora oggi il rosa appartiene ad un determinato stile e modo di pensare, e come dice Miley Cyrus:
“Pink isn’t just a color, it’s an attitude!” (Il rosa non è un colore ma un atteggiamento).

GLI AMANTI DEL ROSA 

Gli amanti del rosa sono persone che presentano tendenzialmente una grande apertura ed estroversione. Sono persone rassicuranti e tendenzialmente pacifiche, specie chi predilige toni delicati e pastello di questo colore. La personalità che ama il rosa ha voglia di amare, e soprattutto di donare se stessa senza compromessi, per questo sono persone che generalmente vivono grandi amori.

Un colore che emana positività, gentilezza, perdono, slancio verso il prossimo, indipendentemente da chi esso sia. E’ il colore dell’inclusione, della positività e della dolcezza.

Elisa Sergi, psicologia positiva, pillole di psicologia, psicologia in pillole, approfondimenti di psicologia, Slider, strategie di psicologia, strategie in pillole, psiconauta, psicopub, rubrica di psicologia, psicologa, psicoblog, psicoblogger, blog di psicologia, blogger psicologica, blogger psicologia, blog psicologia, content creator, psico content creator, psico digital content creator, instapsico, psicogram, argomenti di psicologia, concetti di psicologia, psicochannel, canale di psicologia, benessere psicologico, benessere psichico, salute mentale, benessere mentale, salute psichica, salute psicologica, psicologa clinica e della salute, salute e benessere, strategie psicologiche, sedute psicologiche, psicoblog, psicoblogger, psicologia del colore, psicologia dei colori, interpretazione psicologica, interpretazione dei sogni, interpretasogni, psicologia del colore, psicologia dei colori, colore, colori, cromoterapia, significato del colore, significati del colore, simboli colore, simboli coloriGeneralmente gli amanti del rosa sono persone molto sensibili, rivolte agli altri e capaci di andare oltre, ed entrare in empatia. Tutti i sensi sono molto sviluppati, compreso il sesto.

Sembra che il rosa alleggerisca le tensioni, allontanando i pensieri che provocano malessere, le rimuginazioni e le vibrazioni negative. Pare infatti che sia in grado di alleviare ansia, paure e tristezza.

Chi non sopporta il rosa probabilmente per una questione legata a stereotipi di genere, associati alla femminilità, con una deformata visione maschilista, ovvero frivola, sciocca, banale, stupida, superficiale, e leggera. Ovviamente purtroppo questi tremendi e maledetti stereotipi vivono ancora tra noi. Per questo, ancora oggi, è difficile che un uomo, ammetta di essere attratto da tale colore.

Coloro che non amano il rosa solitamente sono persone rivolte molto su stesse, sul lavoro, sull’ambizione e che tendono a dare più spazio al contenuto che alla forma. A primo acchito, potrebbero sembrare persone rigide, dure e apparentemente forti, ma questo potrebbe rivelare tutt’altro. In fondo potrebbero essere persone che hanno alcune fragilità, debolezze, come tutti, ma che questo causa loro forte malessere e quindi la volontà di nascondere tali aspetti della loro psiche. In realtà potrebbe essere una grande paura di rimanere scottati dalle relazioni, paura di soffrire, paura di essere feriti. Spesso infatti sono persone introverse o che non amano (o non riescono) a mostrare il loro lato dolce e affettuoso.
Comunquesia chi non sopporta il rosa è una persona estremamente logica, inquadrata e razionale.

ROSA E MARKETING

Nella psicologia del marketing, il rosa è un simbolo femminile legato alla speranza. Dona positività, leggerezza, rassicurazione, è confortevole e calmante.

Elisa Sergi, psicologia positiva, pillole di psicologia, psicologia in pillole, approfondimenti di psicologia, Slider, strategie di psicologia, strategie in pillole, psiconauta, psicopub, rubrica di psicologia, psicologa, psicoblog, psicoblogger, blog di psicologia, blogger psicologica, blogger psicologia, blog psicologia, content creator, psico content creator, psico digital content creator, instapsico, psicogram, argomenti di psicologia, concetti di psicologia, psicochannel, canale di psicologia, benessere psicologico, benessere psichico, salute mentale, benessere mentale, salute psichica, salute psicologica, psicologa clinica e della salute, salute e benessere, strategie psicologiche, sedute psicologiche, psicoblog, psicoblogger, psicologia del colore, psicologia dei colori, interpretazione psicologica, interpretazione dei sogni, interpretasogni, psicologia del colore, psicologia dei colori, colore, colori, cromoterapia, significato del colore, significati del colore, simboli colore, simboli colori

E’ stato dimostrato che questo colore, specie nelle sue tonalità più chiare, sia in grado di placare le nostre emozioni forti, allontanando tensione, tristezza e aggressività.

Per questo si consiglia di contornarsi di questo colore, anche tra lue mura domestiche perché capace di calmare il sistema nervoso.

PSICOLOGIA DEL MARRONE

Il marrone è il risultato dell’unione di tre colori primari, rosso, giallo e blu. Al suo interno contiene la forza del rosso, l’energia del giallo e la pacatezza del blu.

Il marrone può venir considerato come una variante dell’arancione, ma al suo interno ha significati ben diversi, infatti è un colore a se stante. La prima cosa evidente è il collegamento con aspetti naturali, legati alla terra, all’autunno, al legno e alle foglie che cadono.

I suoi significati sono contrastanti, se da un lato possiamo trovare simboli legati indissolubilmente alla natura, alla maternità, alla calma, dall’altro possiamo trovare significati non molto positivi, legati a cose terrene, alla cupezza, ai vizi e alla sporcizia.

Insieme al verde è il colore della natura, che ovviamente presenta molteplici aspetti, contrastanti tra loro. Madre terra, accogliente, rigogliosa, in grado di donarci la vita e tutti i suoi frutti, e dall’altro lato una specie di matrigna, che con i suoi fenomeni naturali climatici, è in grado di porre fine a tutto sterminando flora e fauna.

A seconda della cultura di appartenenza i simboli dei colori possono cambiare, in questo caso il marrone nella cultura giapponese simboleggia la seduzione romantica e raffinata, in Cina invece tale colore viene associato a qualcosa di finito, ovvero al passato.
Nel Cristianesimo, tale tinta, viene legata al concetto di povertà, infatti è il colore del saio di diversi ordini monastici, come ad esempio i frati Francescani.

Ricerca sociologiche mostrano che il marrone sia uno dei colori meno amati, soprattutto dal sesso femminile.

Michel Pastoureau, è lo storico più famoso nello studio dei colori, afferma che nel marrone ci siano le sfumature più sgradevoli e volgari del bruno.

 

GLI AMANTI DEL MARRONE

Gli amanti del marrone sono generalmente persone semplici che apprezzano l’essenza della natura, e provano piacere dalle piccole cose. Sono tendenzialmente appagati con una vita tranquilla, probabilmente perché hanno interpretato nella maniera più naturale possibile il senso della loro esistenza. Persone serene e appagate della loro vita, senza inutili sovrastrutture mentali.Elisa Sergi, psicologia positiva, pillole di psicologia, psicologia in pillole, approfondimenti di psicologia, Slider, strategie di psicologia, strategie in pillole, psiconauta, psicopub, rubrica di psicologia, psicologa, psicoblog, psicoblogger, blog di psicologia, blogger psicologica, blogger psicologia, blog psicologia, content creator, psico content creator, psico digital content creator, instapsico, psicogram, argomenti di psicologia, concetti di psicologia, psicochannel, canale di psicologia, benessere psicologico, benessere psichico, salute mentale, benessere mentale, salute psichica, salute psicologica, psicologa clinica e della salute, salute e benessere, strategie psicologiche, sedute psicologiche, psicoblog, psicoblogger, psicologia del colore, psicologia dei colori, interpretazione psicologica, interpretazione dei sogni, interpretasogni, psicologia del colore, psicologia dei colori, colore, colori, cromoterapia, significato del colore, significati del colore, simboli colore, simboli colori

Ma in molti non amano questo colore, io in primis, forse perché legato a significati legati all’autunno alla nostalgia, ad un ciclo concluso. Solitamente chi rifugge il marrone offusca i propri bisogni terreni, e il proprio benessere fisico. Elisa Sergi, psicologia positiva, pillole di psicologia, psicologia in pillole, approfondimenti di psicologia, Slider, strategie di psicologia, strategie in pillole, psiconauta, psicopub, rubrica di psicologia, psicologa, psicoblog, psicoblogger, blog di psicologia, blogger psicologica, blogger psicologia, blog psicologia, content creator, psico content creator, psico digital content creator, instapsico, psicogram, argomenti di psicologia, concetti di psicologia, psicochannel, canale di psicologia, benessere psicologico, benessere psichico, salute mentale, benessere mentale, salute psichica, salute psicologica, psicologa clinica e della salute, salute e benessere, strategie psicologiche, sedute psicologiche, psicoblog, psicoblogger, psicologia del colore, psicologia dei colori, interpretazione psicologica, interpretazione dei sogni, interpretasogni, psicologia del colore, psicologia dei colori, colore, colori, cromoterapia, significato del colore, significati del colore, simboli colore, simboli colori

Il marrone è anche legato ad aspetti concreti della nostra esistenza. ll concetto di corporalità con i suoi prodotti. Gli escrementi sono di colore marrone e le diverse sensazioni, di benessere, piacevolezza e disgusto legate alla loro produzione (Freud docet), può indicarci molto della nostra indole.

MARRONE E MARKETING

Come abbiamo già detto, il marrone viene associato alla semplicità, alla terra, alla natura, agli alberi, al legno e quindi al concetto benevolo di protezione naturale, al nido domestico, alla maternità, ma è anche legato alla materialità, alla sporcizia, al fango, alla povertà, persino all’infelicità.Elisa Sergi, psicologia positiva, pillole di psicologia, psicologia in pillole, approfondimenti di psicologia, Slider, strategie di psicologia, strategie in pillole, psiconauta, psicopub, rubrica di psicologia, psicologa, psicoblog, psicoblogger, blog di psicologia, blogger psicologica, blogger psicologia, blog psicologia, content creator, psico content creator, psico digital content creator, instapsico, psicogram, argomenti di psicologia, concetti di psicologia, psicochannel, canale di psicologia, benessere psicologico, benessere psichico, salute mentale, benessere mentale, salute psichica, salute psicologica, psicologa clinica e della salute, salute e benessere, strategie psicologiche, sedute psicologiche, psicoblog, psicoblogger, psicologia del colore, psicologia dei colori, interpretazione psicologica, interpretazione dei sogni, interpretasogni, psicologia del colore, psicologia dei colori, colore, colori, cromoterapia, significato del colore, significati del colore, simboli colore, simboli colori

Nella psicologia del marketing il marrone è usato quando si vuole comunicare semplicità, naturalezza,  autenticità e qualità. Gli ambiti nei quali viene maggiormente usato sono l’arredamento, l’antiquariato e nei prodotti alimentari, specialmente quelli legati agli ortaggi, alle verdure e a tutto il mondo del BIO.

Una delle prime associazioni, è quella con il legno, infatti il marrone è indissolubilmente legato a questo materiale e a tutto ciò che lo riguarda. Il legno emana calore, semplicità e accoglienza.

E’ un colore che può stimolare l’appetito, infatti è spesso usato nei ristoranti ma anche nelle cucine, perché pare che stimoli la voglia di cucinare. E’ il colore del caffè e del cioccolato, perciò induce sensazioni di piacevolezza.

Vi aspetto nei commenti e nella mia pagina INSTAGRAM, con le mie rubriche-video IGTV!

➡ Per info e dettagli, contattatemi ⬅

⬇ Articoli che ti potrebbero interessare ⬇

VIOLA: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

ARANCIONE: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

VERDE: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

GIALLO: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

BLU: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

ROSSO: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

Psicologia del Colore: come i colori influenzano il nostro stato emotivo. Leggi QUI

Isolamento, diffidenza, evitamento: come uscirne. Leggi QUI

TOP 10 – strategie per un sano riposo. Leggi QUI

TOP 10 – Benessere psicofisico in quarantena. Leggi QUI

Lo STRESS, cos’è e come riconoscerlo. Leggi QUI

La RESILIENZA, cos’è, come riconoscerla e svilupparla. Leggi QUI

Vademecum PSICOLOGICO per affrontare l’emergenza COVID-19. Leggi QUI

Affrontare e spiegare l’emergenza Coronavirus ai BAMBINI. Leggi QUI

PSICOLOGIA DEL VIOLA

Il viola è un colore intenso risultato dall’unione del rosso e del blu e rappresenta la congiunzione della forza del rosso e la quiete del blu. Questo colore infatti risultato dalla mescolanza di questi due tonalità contrastanti, direi quasi opposte, presenta una moltitudine di significati. Jung definì il viola, il colore che sta “tra l’umano e il divino, l’unione di due nature”.Viola come simbolo di un amore più vicino alla spiritualità, perché lega la passione e la focosità del rosso alla calma e alla spiritualità del blu. Infatti può essere un colore legato ad una seduzione più profonda, più intellettuale, più elaborata, più riflessiva. Un meraviglioso incontro e fusione di poli opposti che si completano a vicenda.

Il viola è un colore che può racchiudere molti significati, è il colore della trasformazione, del mistero, della costante ricerca, a volte anche della sofferenza. A seconda delle sue tonalità, può evocare diverse sensazioni, tutte soggette ad un’ interpretazione individuale.

Fantasia, creatività, immaginazione, ma anche spiritualità, solitudine, giustizia, dolore e sacrificio. In determinate culture, viene associato all’umiltà e alla penitenza, questo grazie agli influssi del Cristianesimo.psicologia del viola

Nel Cristianesimo infatti, è usato in tempo di quaresima, prima di Pasqua. Rappresenta la sofferenza dell’uomo, incarnata dalla componente “rossa” e la spiritualità del divino, scaturita dalla componente del “blu”. In Oriente invece questo colore è legato simboli negativi, come il peccato, il vizio e la malvagità. E’ il colore tabù per i matrimoni, mentre in alcune culture, come quella Turca, è usato per indicare la morte, per simboleggiare un lutto.

Il viola è presente nell’arcobaleno come ultimo colore, dopo il quale si estende il territorio del non visivo, ovvero quello dell’ultravioletto. Per questa ragione, il viola è associato al mondo del misticismo, dell’occulto, del mistero e del soprannaturale. Molti sono i simboli che legano questo colore a tale visione. La violetta, il classico fiore che si può trovare nei campi, in passato veniva usato come strumento di preveggenza, a seconda del numero dei petali e delle caratteristiche del fiore. Il viola, così come il blu e il verde, può essere usato nella meditazione.

GLI AMANTI DEL VIOLA

Coloro che amano questo colore sono spesso alla ricerca di relazioni che vanno ben oltre la sola passione o il solo “amore platonico”. Coloro che presentano i tratti del viola nella personalità, sono soliti essere persone profonde, intense e mistiche, alla ricerca della profondità delle cose.

viola gli amanti del violaIl viola è amato da coloro che vogliono piacere, curando il loro aspetto, ma al tempo stesso desiderano essere liberi. Sono persone che amano la compagnia, e a cui piace comunicare. Sono spinti a cercare i significati in tutto quello che li circondano e simpatizzano per i temi dell’occulto, della magia e del mistero.

Il viola, suo malgrado, è legato anche a significati negativi. Sembra che sia il colore che più di tutti, si leghi al concetto di sfortuna. Questa ovviamente è soltanto una diceria popolare che si è tramandata nel tempo. Nel mondo dello spettacolo il viola è stato per molto tempo, e per certi aspetti ancora oggi, osteggiato e rifuggito, in quanto si pensava che non facesse andare le cose, in questo caso le rappresentazioni sceniche o gli spettacoli, per il verso giusto. Questo perché in passato durante la Quaresima, periodo contraddistinto da questo colore, non si svolgevano spettacoli e tutto il mondo dell’intrattenimento si fermava.

MARKETING E VIOLA

Da un’analisi sociologica fatta sui gusti delle persone verso i determinati colori, risulta che il viola sia uno tra i colori sicuramente meno apprezzati dalle persone. Mentre il blu, nelle sue diverse tonalità, che vanno dal chiaro allo scuro, è risultato in assoluto il colore superpartes, ovvero quello che piace indistintamente più a tutti.

viola e marketingNella psicologia del marketing, il viola, specie con le tonalità più chiare, ovvero il lilla, viene spesso impiegato per la cosmesi, e per i prodotti di bellezza. Infatti è un colore che si associa al mondo femminile. La tonalità chiara, apporta calma e benessere, nella donna. Non è un colore amato dal mondo maschile.

Sembra che il viola mitighi l’appetito perciò è adatto per seguire diete o moderare l’alimentazione.

Questo colore sarebbe ideale per stimolare la concentrazione e la creatività, aiutando a scrollarsi da sensazioni negative, infatti è ideale per ambienti lavorativi, professionali, o studenteschi.

Infine, oltre al classico rosso, sembrerebbe il colore ideale per stimolare l’appetito sessuale e il desiderio nelle coppie, ma attenzione a metterlo nelle camere da letto perché potrebbe non conciliare il sonno.

Le pietre viola come l’ametista sono usate per accrescere la conoscenza della realtà aldilà della materia. Tali pietre, sembra che favoriscono una potente azione liberatoria e purificatrice, stimolando la psiche, allontanando le tensioni e la tristezza. Pare che siano usate anche per stimolare sentimenti come l’empatia e l’armonia.

Vi aspetto nei commenti e nella mia pagina INSTAGRAM, con le mie rubriche-video IGTV!

➡ Per info e dettagli, contattatemi ⬅

⬇ Articoli che ti potrebbero interessare ⬇

ARANCIONE: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

VERDE: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

GIALLO: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

BLU: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

ROSSO: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

Psicologia del Colore: come i colori influenzano il nostro stato emotivo. Leggi QUI

Isolamento, diffidenza, evitamento: come uscirne. Leggi QUI

TOP 10 – strategie per un sano riposo. Leggi QUI

TOP 10 – Benessere psicofisico in quarantena. Leggi QUI

Lo STRESS, cos’è e come riconoscerlo. Leggi QUI

La RESILIENZA, cos’è, come riconoscerla e svilupparla. Leggi QUI

Vademecum PSICOLOGICO per affrontare l’emergenza COVID-19. Leggi QUI

Affrontare e spiegare l’emergenza Coronavirus ai BAMBINI. Leggi QUI

➡    Psicologia dell'arancione
➡    Gli amanti dell'arancione
➡    Marketing e arancione

PSICOLOGIA  DELL’ ARANCIONE

L’arancione come il giallo è il colore del sole, e quindi dell’energia e della vita.
Nello specifico é associato al sole in  particolari momenti quali l’alba e il tramonto, perciò simboleggia l’inizio e la fine di un ciclo. 
Simbolo di inizio e fine. Due facce della stessa medaglia con significati apparentemente opposti, ma che alla fine risultano combaciare. Se da un lato indica inizio, e quindi nascita, crescita e sviluppo, dall’altro fine conclusione, ma sempre per una rinascita futura.

Elisa Sergi ARANCIONEL’arancione è un colore particolare risultato da due colori primari, il giallo e il rosso. A seconda della quantità o dell’uno o dell’altro le tonalità possono cambiare. E’ un colore caldo, perché dato dalla forza e dalla passione del rosso associato all’energia vitale del giallo. Proprio per queste caratteristiche è considerato un colore capace di infondere, calore, equilibrio, concentrazione e saggezza. Non a caso è stato scelto come colore delle tonache dei monaci tibetani.

Le sensazioni che l’arancione può evocare sono:  entusiasmo, gioia, ottimismo, divertimento, libertà, creatività, avventura , ma anche accoglienza, e altri stimoli positivi. Mentre il rosso è il colore dell’amore, l’arancione è considerato il colore dell’amicizia, perché al rosso si lega il giallo che attenua la passionalità ma aumenta la gioia, la vitalità e la convivialità.

GLI  AMANTI  DELL’ ARANCIONE

Chi ama questo colore é tendenzialmente un soggetto che ricerca postività, energia, compagnia, vitalità e stimoli intorno a sé. Tanti sono gli stimoli positivi che coloro che amano questo colore ricercano in esso.

Tendenzialmente da questo colore sono attratte le persone che amano il piacere fisico, ma non come nel rosso con una pura componente passionale, bensì con una spinta più completa e ricca di altre sfumature emotive più profonde. La personalità che ama l’arancione è positiva, audace, originale, avventurosa e creativa. Il giallo accostato al rosso dona vitalità e forza, infatti sono persone energiche, fiduciose e molto attive.

Elisa Sergi ARANCIONEL’arancione sembra essere un potente catalizzatore di energie positive. E’ capace di infondere molta carica a chi lo indossa e a chi lo osserva. E’ un colore che stimola creatività artistica, voglia di fare, incentivando all’azione, persino quella sessuale. Si lega infatti al simbolo di piacere, un piacere espresso a 360° sia mentale che fisico.

E’ un colore che spinge al buon umore, alla socialità, all’accudimento e alle nuove esperienze. Viene consigliato per coloro che sono introversi, timidi e che tendono a non fidarsi degli altri. Indicato anche per coloro che tendono ad avere umore basso, alla depressione, e che hanno subito una qualche forma di trauma emotivo. Un colore energico perciò idoneo a stimolare il metabolismo.

Al contrario coloro che non sopportano questo colore tendono ad essere piuttosto rimuginanti, chiusi al prossimo e privi di entusiasmo. Sono persone pessimiste o comunque non inclini all’ottimismo e alle sfide che la vita propone loro. Hanno difficoltà ad uscire da situazioni problematiche, tendendo alla drammatizzazione.

AL tempo stesso l’arancione può venire visto come un colore nostalgico, che simboleggia la fine di un ciclo, pensiamo che è un colore legato all’autunno e come abbiamo già detto al tramonto, con i possibili sentimenti di malinconia ad esso associati.

MARKETING  E  ARANCIONE

L’arancione è un colore molto amato nel mondo del marketing e della pubblicità, perché associato alla gioia alla convivialità e al concetto di festa. In oriente è sinonimo di prosperità, ricchezza, serenità e simbolo di buon auspicio.

Elisa Sergi ARANCIONECome il giallo e il rosso anche l’arancione è in grado di stimolare l’appetito e la sete, inducendo all’azione. Proprio per questo è asociato a brand e marchi legati alla ristorazione e generi alimentari.

E’ un colore che spinge all’acquisto, considerato forte, che genera entusiasmo e sensazioni positive che inducono ad agire, a comprare. Così come il giallo stimola la reattività e la concentrazione e per questo è sconsigliabile nelle stanze da letto, può infatti persino generare insonnia.

Vi aspetto nei commenti e nella mia pagina INSTAGRAM, con le mie rubriche-video IGTV!

➡ Per info e dettagli, contattatemi ⬅

⬇ Articoli che ti potrebbero interessare ⬇

VERDE: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

GIALLO: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

BLU: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

ROSSO: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

Psicologia del Colore: come i colori influenzano il nostro stato emotivo. Leggi QUI

Isolamento, diffidenza, evitamento: come uscirne. Leggi QUI

TOP 10 – strategie per un sano riposo. Leggi QUI

TOP 10 – Benessere psicofisico in quarantena. Leggi QUI

Lo STRESS, cos’è e come riconoscerlo. Leggi QUI

La RESILIENZA, cos’è, come riconoscerla e svilupparla. Leggi QUI

Vademecum PSICOLOGICO per affrontare l’emergenza COVID-19. Leggi QUI

Affrontare e spiegare l’emergenza Coronavirus ai BAMBINI. Leggi QUI

➡    Psicologia deI verde
➡    Gli amanti del verde
➡    Marketing e verde

PSICOLOGIA DEL VERDE

Il verde è un colore molto intenso, scaturito dalla mescolanza di blu e giallo, per questo considerato secondario. E’ un colore molto particolare, in grado di donare equilibrio, poiché è il risultato della calma e tranquillità del blu, e dell’energica vitalità irradiante del giallo. E’ indistintamente il colore della vita perché il colore che più di tutti richiama alla natura, alla vegetazione, alla rigogliosità. Essendo così strettamente legato alla natura e alla vita è collegato al concetto di fertilità, di abbondanza, di ricchezza, infatti secondo la filosofia buddista è il colore che più di tutti si lega alla vita, nella sua concezione più profonda.

psicologia del verdeQuesto suo collegamento con la natura, con il ciclo vitale, dona relax e vibrazioni positive, armoniose, in primis serenità. 

Il verde è un colore stabile nel nostro contesto, per questo capace di infondere sensazioni positive di libertà, perseveranza, costanza, tenacia, forza, stabilità, ma allo stesso tempo rinnovamento, crescita, radicamento e tante sfumature emotive legate al senso della vita.

Come il blu è il colore che infonde calma e pace, infatti è usato per aiutare a ridurre stress e ansia.

Stimola la lucidità e il pensiero logico. Può stimolare anche la memoria e l’autocontrollo.

GLI AMANTI DEL VERDE

camaleonte verdeGli amanti del verde amano la tranquillità e la stabilità. Sono solitamente persone fiere e attente, attratte da uno stile di vita a contatto con la natura,  poiché ricercano le vibrazioni del verde nella vegetazione che dona loro pace e rilassamento. Circondarsi di colori che possono dare effetti positivi a livello di sensazioni e di emozioni, vuol dire promuovere il nostro benessere psichico.

Il colore verde, così come il blu,  influenza in maniera positiva il sistema nervoso, calmandolo. Inoltre pare che abbia effetti benefici sul metabolismo, sull’apparato respiratorio e persino sull’insonnia.E’ un colore che aiuta a ritrovare un giusto equilibrio.

MARKETING E VERDE

Nel marketing è ovviamente molto usato per tutti i prodotti e loghi associati alla natura, alla freschezza, alla salute, alla giovinezza, alla speranza, all’igiene, all’ecologia, all’armonia, alla fortuna, alla prosperità, alla salute, alla lealtà, ma talvolta anche all’invidia, al veleno, agli acidi e alla malattia. Questo colore è in grado di evocare molte sensazioni, tutto ciò che è legato al mondo eco e bio, all’ambiente,  per questo è molto usato nel campo della cosmesi, in quello farmaceutico e del wellness.

Sembra che sia un colore che concili l’appetito, perciò consigliabile per le pareti della cucina o nei ristoranti. Essendo anche un colore antistress, è usato nella meditazione, insieme al blu. E’ un colore che dona sicurezza, mettendo a proprio agio, può essere indicato nei luoghi professionali, negli studi medici, nei luoghi adibiti alla salute mentale.

Vi aspetto nei commenti e nella mia pagina INSTAGRAM, con le mie rubriche-video IGTV!

➡ Per info e dettagli, contattatemi ⬅

⬇ Articoli che ti potrebbero interessare ⬇

GIALLO: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

BLU: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

ROSSO: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

Psicologia del Colore: come i colori influenzano il nostro stato emotivo. Leggi QUI

Isolamento, diffidenza, evitamento: come uscirne. Leggi QUI

TOP 10 – strategie per un sano riposo. Leggi QUI

TOP 10 – Benessere psicofisico in quarantena. Leggi QUI

Lo STRESS, cos’è e come riconoscerlo. Leggi QUI

La RESILIENZA, cos’è, come riconoscerla e svilupparla. Leggi QUI

Vademecum PSICOLOGICO per affrontare l’emergenza COVID-19. Leggi QUI

Affrontare e spiegare l’emergenza Coronavirus ai BAMBINI. Leggi QUI

➡    Psicologia deI Giallo
➡    Influenza del giallo
➡    Gli amanti del giallo 
➡    Marketing e giallo

Psicologia del Giallo

Il giallo è il colore del sole, della luce in ogni sua forma, da quella naturale a quella artificiale. Luce è anche sinonimo di energia, perciò questo colore ha dentro di se una forte spinta energetica e vitale. Essendo il colore associato alla luce, è capace di irradiare e portare molta luminosità negli ambienti. E’ uno dei tre colori primari della scala cromatica, insieme al blu e al rosso.

Il giallo ha molti significati, può essere il colore dellottimismo, della gioia, della vivacità, un colore in grado di stimolare apertura mentale, un colore energico, che accoglie una qualche voglia di sperimentazione. Una sorta di reattività forte quella del giallo, che può essere paragonata a quella del rosso, anche se in maniera più leggera. E’ molto legato al rosso, come spinta all’azione, ma ha una levatura più alta più intellettuale rispetto al rosso, che è il colore delle passioni. Il giallo è il colore dell’energia che è capace di irradiarsi in ogni direzione. Un colore raggiante, che si lega anche al concetto di vitalità, forza energetica e creatrice. Può essere il colore dei creativi, degli artisti, di coloro che amano esprimersi e manifestare la loro forma artistica, anche in maniera audace.

Elisa Sergi gialloE’ il colore legato all’espansione, alla ricerca del nuovo, alla liberazione da schemi limitanti, nuove sfide e stimoli. Emana leggerezza, estroversione, crescita, vivacità e cambiamento. Può incentivare sentimenti di autonomia, indipendenza vede mencipazioni. Usato da coloro che amano scoprire nuovi orizzonti e che sono sempre in cerca di nuove avventure e nuovi stimoli o nuove sfide da vincere. Il giallo è un colore che spinge alla creazione di nuovi concetti, di nuove idee, rappresenta il futuro, e le aspettative positive.

Un cromia che porta all’apertura, all’estroversione, ma visto all’estremo, può anche stancare la vista. Portato all’estremo può disturbare, nella maniera in cui diventa troppo forte da contenere la sua forte luce, che si libera in ogni direzione, confusamente, un po’ come quando si consuma energia, facendo tante cose, non avendo ben chiari i nostri obiettivi. E’ il colore della dispersione. Nell’antica Grecia coloro che erano considerati e stigmatizzati, loro malgrado, come matti, erano obbligati a vestire di giallo. E’ stato un colore legato alla malattia, anche ai tempi della peste Inoltre, in epoca più recente, il colore giallo era usato quando si voleva avvertire della presenza di malati e appestati, veniva affissa un bandiera gialla. Quindi potremmo dire che questo colore è stato legato al concetto di malattia e di psicopatologia per molto tempo.

GLI AMANTI DEL GIALLO

Gli amanti del giallo sono persone estroverse che non hanno paura dei cambiamenti e delle novità che la vita propone loro. Sono persone tendenzialmente positive, e fortemente dotate di una fervente fantasia e immaginazione.  Sono creativi, artisti, pensiamo a Van Gogh.

Ogni colore agisce su differenti aspetti della nostra personalità e sulle nostre attitudini mentali. In questi specifico caso il giallo, facilita sia l’estroversione che la capacità di concentrazione. Essendo un colore molto dinamico  è spesso preferito da coloro che amano cambiare, evolvere e scoprire nuovi orizzonti.

Essendo il colore della vitalità, è indicato per coloro che presentano disturbi dell’umore, come ad esempio depressione, poiché le sue tonalità stimolano una sorta di rigenerazione, promuovendo gioia e buon umore. Utile in ambito scolastico e professionale poiché in grado di favorire la concentrazione in attività intellettuali.

Al tempo stesso il giallo è un colore che può essere contraddittorio, infatti può contenere al suo interno molti significati e non solamente positivi. Da sempre indica la gelosi, il tradimento, l’irrequietezza e la ribellione. In molti infatti non lo detestano, rifuggendo tutto ciò che rappresenta questo colore.

MARKETING E GIALLO

Questo colore nel marketing è molto usato. Indica chiarezza e ottimismo, ma va anche considerato che è uno tra i colori che stanca maggiormente, perciò è consigliabile usarlo con cautela.

E’ molto usato, per i marchi commerciali, così come il rosso, induce all’azione, ed è in grado di stimolare l’appetito. Per tale ragione è strategicamente impiegato nei loghi di ristorazione o che riguardano alimenti. È consigliabile nelle cucine perché induce il senso di fame.

Indicato anche quando si tratta di loghi dedicati allo studio, alla scuola e all’attività lavorativa, specie quella che riguarda la creatività.

Elisa Sergi gialloSconsigliato per gli ambienti nei quali si desidera dormire, calmarsi, riposare, in quanto propenso all’eccitamento e alla veglia. Non concilierebbe il sonno, infatti alcuni studi hanno dimostrato che le tonalità di giallo intenso stimolano il pianto nei bambini.

E voi amate il Giallo ? Con quale tonalità vi piace di più?
Vi aspetto nei commenti

Vi aspetto nei commenti e nella mia pagina INSTAGRAM, con le mie rubriche-video IGTV!

➡ Per info e dettagli, contattatemi ⬅

⬇ Articoli che ti potrebbero interessare ⬇

BLU: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

ROSSO: Significati e simboli di questo colore. Leggi QUI

Psicologia del Colore: come i colori influenzano il nostro stato emotivo. Leggi QUI

Isolamento, diffidenza, evitamento: come uscirne. Leggi QUI

TOP 10 – strategie per un sano riposo. Leggi QUI

TOP 10 – Benessere psicofisico in quarantena. Leggi QUI

Lo STRESS, cos’è e come riconoscerlo. Leggi QUI

La RESILIENZA, cos’è, come riconoscerla e svilupparla. Leggi QUI

Vademecum PSICOLOGICO per affrontare l’emergenza COVID-19. Leggi QUI

Affrontare e spiegare l’emergenza Coronavirus ai BAMBINI. Leggi QUI