Tag

ONU

Browsing

Il 20 marzo è stata riconosciuta dall’ONU “Giornata mondiale della Felicità”, una ricorrenza molto piacevole per festeggiare ogni anno il mio compleanno! Tale data, mi ricorda che della mia vita devo essere felice per quello che ho e i traguardi che sto raggiungendo ogni giorno. La stessa felicità e spensieratezza che da sempre voglio insegnare alle mie Figlie. Vorrei che nella loro vita fossero serene, indipendenti, autonome, libere da schemi intrappolanti e soprattutto consapevoli, di loro stesse e dell’ambiente circostante.
Oggi spengerò la mia candelina, desiderando tutto questo.

Ognuno di noi è artefice del proprio destino, perciò è importante, da genitori, dare le chiavi giuste ai nostri figli per affidargli tutti gli strumenti in nostro possesso per far sì che loro, possano costruire al meglio il loro futuro.

Il futuro che voglio, anzi che esigo per le mie figlie, deve essere migliore del nostro, con persone più coscienziose di noi, una nuova generazione che abbia quella cura e quell’attenzione in più, che noi non abbiamo avuto e che non abbiamo sufficientemente, sia  per noi stessi, sia per il prossimo e per l’ambiente. Oggi 20 marzo, oltre che essere il mio compleanno è anche l’Equinozio di primavera, e la “Giornata Mondiale della Felicità” sancita dall’ONU nel 2012, perciò penso che questa sia la data più idonea per “iniziare” a rispettare la natura e il nostro contesto.
Siamo circondati da meraviglie e noi, non solo non ce ne curiamo, non solo non le rispettiamo, ma facciamo di tutto per inquinarle, sporcarle e abbatterle.

  • RACCOLTA DIFFERENZIATA
  • LIMITARE L’USO DELLA MACCHINA E DEI MEZZI INQUINANTI
  • USARE PRODOTTI BIO-COMPATIBILI
  • CERCARE DI NON UTILIZZARE LA PLASTICA USA E GETTA

 

L’inciviltà italiana, rispetto ad altri paesi europei, specie quelli del Nord, è una cosa che mi fa schifo, mamma mia quanta ignoranza, quanta negligenza e ottusità. Capisco molto bene, tutti quei connazionali che scelgono di trasferirsi all’estero. Lo farei anche io, se non avessi certe dinamiche familiari che purtroppo mi legano qua.

Parlando di ambiente, Greta Thunberg, l’ambientalista Svedese è diventata un simbolo, un’icona da prendere ad esempio, tant’è che con suo quel suo gesto, ha smosso l’opinione pubblica di tutto il mondo. Sinceramente non capisco, chi la critica, giornalisti, teorici del complotto, presuontuosetti televisivi, paranoici incalliti e tanta gente che non capisce un bel niente, che critica ingiustamente questa ragazza. Ma tanto di imbecilli ne è pieno il paese, perciò non diamogli importanza, ma lasciamoci guidare nelle nostre scelte dal buon senso e lottiamo per quelle battaglie importanti e sacrosante, come questa per l’ambiente.
Pensiamo ai nostri figli e proviamo a lasciargli un germoglio di buon senso, affinché si sviluppi e cresca bene in loro, il senso del giusto e del rispetto reciproco, come un albero dalle forti radici.

 Tanti Auguri a me … e a chi lotta per questa causa!

 

Il 25 novembre oltre ad essere il compleanno di mio marito è una ricorrenza importante a livello internazionale. In questa data, infatti ricordiamo la lotta alla violenza sulle donne, su quel fenomeno consumato in special modo tra le mura domestiche, ad opera di quelle persone che dovrebbero, sopra ogni altra cosa, amare e rispettare la propria compagna, spesso anche madre dei loro figli. Questa ricorrenza non dovrebbe esistere, perché non dovrebbe esserci tale fenomeno, come in generale ogni altra forma di violenza e aggressione. Purtroppo si è resa necessaria, come strumento di sensibilizzazione verso un fenomeno troppo spesso protagonista della cronaca nera dei nostri tempi.

I numeri sono raccapriccianti, in quanto, secondo una stima calcolata da Eures, fino ad ottobre ci sono stati 106 casi di femminicidio, con una media di un assassinio ogni 72 ore, un dato spaventoso. Poi ci sono altri numeri, quelli legati alle violenze e alle aggressioni, intorno ai 7 milioni, numeri incredibili. Perciò si è dovuta istituire una giornata che faccia riflettere ognuno di noi e che sensibilizzi l’opinione pubblica verso questo urgente problema.

Giornata istituita nel 17 dicembre del 1999 dall’assemblea delle Nazioni Unite. Da allora in tutta Italia, ogni anno, nelle diverse città, si organizzano manifestazioni, laboratori e mostre sull’argomento. Quest’anno ad esempio, a Milano viene organizzata la 9 edizione del “WeWorld Festival”, inoltre si inaugureranno,  due panchine rosse in due parti diverse della città. A Roma ieri c’è stata la manifestazione “NonUnaDiMeno” con un corteo per la città. A Napoli si è tenuto l’iniziativa “Mai più sola”,  organizzata dall’Assessore allePari Opportunità della Regione Campania.  

Nella nostra città, a Firenze, il Movimento Sportivo Popolare (MSP ITALIA) organizza domenica 25, in Via Vamba Bertelli numero 23 dalle ore 10:30, una serie di eventi, come laboratori per bambini, donne e genitori,  e un seminario aperto a tutti sull’uso di uno strumento utilizzato come dissuasore per le violenze, ovvero lo spray urticante. Sarà un’ occasione per proporre il corso di auto-difesa per tutte le donne, organizzato dall’MSP ITALIA. Per tutte le informazioni e conoscere i dettagli dell’evento e del corso Difesa Donna, contattare il numero: 335 6200313.

Qui sopra, come vedete vi ho messo qualche link, per acquistare su Amazon qualche presidio utile per la nostra sicurezza, come portachiavi con allarme personale incorporato e spray al peperoncino.