Tag

allattamento

Browsing

Un neonato dopo i sei mesi di vita, ha bisogno oltre al latte materno (o artificiale) di introdurre nella sua dieta il cibo della nostra dieta mediterranea.

Ci sono principalmente 2  scuole di pensiero:  lo svezzamento classico o l’autosvezzamento. Il divezzamento chiamato anche svezzamento è la graduale introduzione di cibi dai semiliquidi ai semisolidi a partire dal classico brodino vegetale, passando gradualmente dai cerali alle proteine animali e vegetali per poi finire con la pastina di grano duro.

I principi dello SVEZZAMENTO:

  • A 4 mesi iniziare somministrando frutta grattugiata, mela e pera.
  • A 6 mesi si inizia con il primo brodino vegetale nel quale far sciogliere la cremina di riso (o di mais e tapioca).
  • in 1 Litro di acqua, inserire una patata, una carota, una zucchina e qualche foglia di bieta. Far bollire fino a quando il volume non sarà la metà. Scolare le verdure ed utilizzare il solo brodo  per la preparazione della pappa (180 ml circa). Il quantitativo di crema da sciogliere è circa 20 grammi che equivalgono a 2 cucchiai da minestra. A questa mistura si aggiunge un cucchiaino di olio e uno di parmigiano. Questa sarà la pappa della sera, introdotta una sola volta al giorno per una settimana.
  • Dopo la seconda settimana si aggiunge un passato di verdure precedentemente cotte nel brodo.
  • Dopo una decina di giorni si aggiunge mezzo vasetto di omogeneizzato o l’equivalente in grammi di carne fresca di pollo, consiglio agnello o tacchino o i legumi.
  • Dal 7 mese inoltrato si aggiunge anche un formaggio ipolipidoco (stracchino o ricotta) al posto della carne. A questo punto si può introdurre la pastina di grano tenero.
  • A 9 mesi si introduce il tuorlo d’uovo e le altre verdure di stagione. Da qui fino a 1 anno si introdurrà gradualmente tutto, eccezion fatta per il sale e lo zucchero.
  • Cibi vietati: cioccolato, funghi, frutti di mare, pesce crudo, cibi piccanti, fritti, alcool, caffè e frutta secca.

I principi dell’ AUTOSVEZZAMENTO:

  • Nel momento in cui un neonato riesce a mettersi seduto, o in braccio o sul seggiolone è pronto per iniziare la sua avventura con il cibo.
  • Continuare con l’allattamento fino e anche oltre il 6° mese, come raccomanda anche l’OMS.
  • Capire dall’atteggiamento del bambino, quando è l’ora di iniziare ad offrirgli cibo. Questo succede quando guarda osserva e si protende verso quello che mangiamo.
  • Cercare di fargli assaggiare tutto quello che il genitore reputa opportuno, nei limiti del concesso. Attenzione al sale e allo zucchero.
  • Capire i segnali del bambino, quando gradisce o meno e nel caso accontentarlo.
  • Cercare di mantenere i ritmi della famiglia, durante i pasti, il bambino si adeguerà di conseguenza.

Inoltre c’è da sottolineare che l’introduzione di cibi solidi, non vuol dire smettere di prendere il latte (materno o artificiale). La parola “svezzamento”  significa “abbandonare il vizio”, e in assoluto il latte non è un vizio, perciò sarebbe meglio parlare di “alimentazione complementare a richiesta”. 

Dai 12 mesi è possibile iniziare a somministrare il latte intero di mucca. E’ stato studiato che il “latte crescita”, quello arricchito, sia del tutto inutile. Il latte materno è sempre da preferire, e se non è possibile, prediligere l’apposito latte in polvere.

Per quanto riguarda la mia esperienza di mamma,  con le mie due bambine ho seguito, per la prima lo svezzamento classico e quindi i primi brodini, rigorosamente calibrati e pesati al grammo, per la seconda invece, sono stata meno rigida e ho agito secondo il mio buon senso. Per la precisione ho fatto un mix tra svezzamento e autosvezzamento. La mia seconda bambina, dopo le solite classiche pappine, iniziava a dare segni di impazienza, come se si fosse stancata della solita minestrina, allora pian piano ho iniziato ad offrigli le cose che mangiavamo noi, avendo però cura di non salarle né condirle troppo, prediligendo sempre un tipo di dieta sana con olio extravergine di oliva a crudo, cotture a vapore ma anche al forno e in padella. Adesso le mie bambine hanno, quasi 3 anni, la grande, e 9 mesi la più piccola, e ad oggi mangiano con gusto e non hanno difficoltà a provare cibi nuovi.

Ovviamente in tutte le cose ci sono i pro e i contro, tutt’oggi ci sono molte discussioni tra quale sia il metodo migliore. A mio modesto avviso, credo che ogni bambino è diverso e abbia la propria individualità, per questo non ci può essere una formula standard, uguale per tutti. Noi mamme dobbiamo capire i segnali che il nostro bambino ci manda, ad esempio, un altro indizio è la comparsa dei dentini. La natura, se la sappiamo ascoltare, è un’ottima maestra.

Perciò mamme, un consiglio: fidatevi di più di voi stesse, del vostro bambino e soprattutto del vostro innato buon senso, sicuramente saprete qual è la cosa migliore per il vostro bambino, al di là di mode e ultime tendenze.

Tra svezzamento e autosvezzamento… vince il buon senso!

NO SALE
NO MIELE
NO ZUCCHERO

Gravidanza e allattamento sono quei momenti in cui le nostre forme subiscono grandi cambiamenti,  che possono accompagnare attimi di sconforto per il nostro mutato aspetto fisico. L’importante è cercare escamotage che ci donino una bella prospettiva, come ad esempio abbigliarsi in maniera strategica, valorizzando certe forme piuttosto che altre, insomma piccoli accorgimenti per sentirsi più a nostro agio. Per esperienza personale so benissimo che non è facile vedersi bene con abiti che indossavamo prima di lievitare, inoltre nel giro di poco tempo dobbiamo capire cosa possiamo mettere e cosa no. Parlando di gravidanza, personalmente sono contaria a spendere soldi inutili per roba premaman, in quanto nei nostri armadi, sicuramente ci  sono cose larghe e che possono starci ancora, nonostante pancia e i chiletti di troppo. Se proprio avete voglia di fare un po’ di shopping, e questo lo capisco benissimo 😉 vi consiglio di non acquistare abiti premaman, che poi non riuserete,  ma strategici e versatili vestiti multiuso, come ad esempio i classici abitini impero, abbondanti nella zona della pancia e stretti sul seno, magliette oversize magari calate su una spalla, o T-Shirt maschili magari appositamente tagliate con le forbici sul collo e abbinabili con un jeans o un leggins.
Anche le fantasie possono venire in nostro aiuto, adesso vanno tantissimo quelle colorate e quelle con stampe floreali, che donano un aspetto primaverile e fresco.  A me piace molto lo stile bohemian, che in questi casi è perfetto, grandi gonne lunghe fantasia o contornate da pizzo, maglie ampie e scollate con qualche nappina qua e là, trovo siano tutte soluzioni molto chic. Non occorre spendere grandi cifre, tante cosine carine si possono trovare a buon prezzo anche nei mercatini rionali.
Un altro esempio, capace di slanciare la figura, è la fantasia con righe verticali, che aiuta grazie al suo effetto ottico a snellire dove c’è più bisogno.In ogni caso, vi consiglio sempre di provare i vestiti che volete acquistare, perché un conto è vederli su un manichino o su una modella, un conto è indossarli, calandoli sulle nostre forme. Attenzione agli acquisti on-line, assicurarsi che ci sia il reso gratuito e rimborsabile, sennò il rischio è di sovraccaricare il nostro armadio di roba inutile. Per quanto riguarda l’abbigliamento per l’allattamento,un solo requisito è importante, ovvero la facilità di scoprire agevolmente e velocemente il seno. No ad abitini interi accollati che non scoprono il seno, si ad abiti spezzati con un sotto e un sopra, si alle magliette scollate meglio ancora abiti abbottonati sul davanti, camicie o top senza spalline. Vi consiglio di acquistare da H&M i reggiseni per l’allattamento, ce ne sono tanti e diversi, io mi sono trovata benissimo con quelli in microfibra, che vendono in confezioni da due.
In questi momenti, in cui è facile sentirsi più fragili, non possiamo e non dobbiamo trascurarci sotto nessun aspetto, in teoria questo vale sempre, ma a maggior ragione in tali difficili periodi di cambiamenti corporei e psicologici.  La regola è tenersi,  curare il nostro aspetto fisico e il nostro abbigliamento, l’umore si tiene alto anche così, perché piacersi è molto importante e l’immagine che ci tornerà dallo specchio, è fondamentale per il nostro assetto psicologico. Perciò tutto ciò che  ci rende felici è una priorità sacrosanta. Mai rinunciare a sentirsi bene e a proprio agio con il nostro corpo, anche se questo cambia ingrossa o si modifica.

Il Puerperio è quel delicato momento che inizia subito dopo il parto e che indicativamente dura una quarantina di giorni dalla nascita del nostro bambino. Periodo complesso dove ci sono tanti stravolgimenti sia fisici che psicologici, il repentino calo degli ormoni, che abbassa notevolmente il nostro umore, l’allattamento che non è semplice come si può pensare, e tanti altri sintomi che caratterizzano questa fase. Parliamone insieme con l’ostetrica, figura di riferimento e professionista che viene in aiuto a noi puerpere.